Dall’arnica allo zenzero, piccolo pronto soccorso verde da portare in vacanza

Dall’arnica allo zenzero, piccolo pronto soccorso verde da portare in vacanza

9 Luglio 2020 Off Di R. Cavaglieri

Incrociamo le dita ma può capitare in vacanza di avere qualche piccolo problema di salute. In questi casi i rimedi naturali sono green e funzionano, di solito senza effetti collaterali negativi. <In genere per questo sono indicati anche per i bambini e in gravidanza> dice Gianfranco Trapani, pediatra omeopata a Sanremo autore di diversi libri sulle terapie naturali www.trapanigianfranco.it. <Meglio però accertarsi di non essere allergici a qualche sostanza, soprattutto gli oli essenziali> . Ecco allora dall’arnica allo zenzero un piccolo pronto soccorso verde da portare in vacanza .

Arnica per traumi e contusioni

Cadute, distorsioni, ematomi. In vacanza può capitare, purtroppo, di farsi male. Ma, una volta accertato che non c’è nulla di grave, potete affrontare il problema con le cure naturali.

Arnica

<In tutti gli incidenti il rimedio principale è l’arnica> spiega Gianfranco Trapani. <Va presa per bocca sotto forma omeopatica, cinque granuli di Arnica 5CH subito dopo il trauma, ripetendo l’assunzione diverse volte al giorno. L’arnica calma il dolore e l’infiammazione e accelera il riassorbimento degli ematomi, come dimostrano molti studi. E’ prezioso anche in caso di shock emotivi o dolori muscolari, per esempio da lunghe biciclettate o percorsi di trekking>.

E sulla pelle, arnica e argilla

Creme e gel a base di arnica vanno poi spalmate sulla parte, una volta terminate le indispensabili applicazioni di ghiaccio (per qualche ora dopo il trauma). Contro il dolore e per accelerare la guarigione è utilissima anche l’argilla, che trovate in qualunque erboristeria e farmacia anche già pronta in tubo. Va applicata in spessi impacchi freddi sulla zona dolente. Di giorno potete tenerla in spiaggia e lavarla via con l’acqua di mare. Di notte fissate il cataplasma con una garza tubolare.

Calendula e lavanda per scottature e eritemi

Flora calendula e aloe crema gel 75ml bio

Assieme alla collezione di solari per tutte le occasioni ricordatevi di infilare nel beauty una crema alla calendula. <E’ un passepartout per calmare infiammazioni della pelle, eritemi e scottature solari. Spalmata più volte al giorno sulla parte accelera la guarigione> spiega Trapani.

Flora olio essenziale di lavanda blu

Vale la pena tenere a portata di mano anche dell’essenza di lavanda, analgesico e antinfiammatorio naturale, e uno dei pochissimi oli essenziali che si possono usare puri direttamente sulla pelle. Dopo una scottatura imbevete di acqua fresca un piccolo asciugamano a cui avrete aggiunto tre-quattro gocce di questa essenza. Ottimo anche l’olio rosso di iperico, rimedio principe per le scottature solari e non solo. Va spalmato sulla parte più volte al giorno.

Menta per alleviare i disturbi digestivi

Flora menta piperita 10ml bio

Con il suo profumo fresco e penetrante la menta è un ottimo rimedio antinausea, capace di combattere i malesseri dovuti al caldo. Potete usare l’olio essenziale, qualche goccia su un fazzolettino da annusare, oppure come foglie fresche o secche in tisana. Con questa preparazione la menta è ideale per “sbloccare” gli effetti di un’indigestione. https://flora.bio/it/content/14-gli-oli-essenziali

Problemi di acidità? L’asso nella manica dell’omeopatia per tutti i disturbi digestivi con bruciore e dolore, ma anche per le intossicazioni, è Nux vomica 5CH. <Se ne possono prendere tre granuli anche ogni ora> dice Enrica Mari, gastroenterologa esperta di terapie naturali a Milano www.dottoressaenricamari.it

Probiotici se l’intestino va in tilt

Le persone più sensibili sanno che basta cambiare clima, ambiente e abitudini perché l’intestino si blocchi: la stitichezza è un classico delle vacanze. <Va combattuta da subito con composti naturali a base di piante come cascara e cardo mariano; la prima stimola i movimenti intestinali, la seconda favorisce la secrezione biliare> suggerisce Enrica Mari. <In farmacia e erboristeria si trovano diversi rimedi con queste piante ma attenzione, i lassativi vanno usati solo per lo stretto necessario>. Per “abituare” l’intestino al nuovo ambiente sono utili anche i probiotici ad alti dosaggi, https://www.greennest.net/nutrire-le-difese-immunitarie-i-cibi-si-e-quelli-no-contro-i-virus/ che risultano insostituibili in caso di diarrea. Aiuta in questo caso bere molto, anche semplice acqua e limone. Se siete soggetti a questo disturbo una buona idea è procurarsi composti a base di argilla bianca e olio essenziale di finocchio (Bolus alba Wala, in farmacia).

Tea tree oil disinfettante tuttofare

Flora albero del te bio 10ml olio essenziale

Nel piccolo kit del pronto soccorso verde da portare in vacanza non può mancare un flaconcino di tea tree oil, l’olio essenziale di Melaleuca alternifolia, da tenere a portata di mano anche in spiaggia. <E’ utile per piccole infezioni, punture di insetto, ma anche in gargarismi contro mal di denti, tonsilliti e gengiviti: basta mettere 3-5 gocce in mezzo bicchiere d’acqua e fare sciacqui due volte al giorno> dice Gianfranco Trapani. Si può usare anche per lavande intime in caso di infiammazione, qualche goccia nell’acqua del bidet.

Zenzero contro la cinetosi

Zenzero

Per il mal d’auto, di mare o d’aereo il rimedio a colpo sicuro, con un’efficacia antinausea comprovata da molti studi, è lo zenzero. Potete tenere in tasca una radice fresca e masticarla a pezzettini o prenderlo in compresse. <Fa effetto rapidamente: bisogna ingerire una compressa mezz’ora prima di partire e poi una ogni due ore se il viaggio è lungo> consiglia la gastroenterologa.

E se il bimbo ha la febbre, Belladonna

Fronte che scotta, occhi lucidi. Nei piccoli le febbri violente sono frequenti in vacanza, per colpi di freddo o di calore, mal di gola, indigestioni. Ma in un paio di giorni di solito i bambini si rimettono in sesto. <Impacchi e spugnature fredde sono un rimedio efficace per far scendere la febbre che, non dimentichiamo, è una reazione del sistema immunitario contro virus e batteri> spiega Gianfranco Trapani. <Tra i rimedi omeopatici i più utili sono Aconitum 7CH, se il bambino è agitato e ha brividi,  o Belladonna 7CH in caso di febbre alta con sudorazione e viso arrossato>. I bambini reagiscono di solito molto bene ai rimedi omeopatici, che non presentano effetti collaterali negativi, non a caso i pediatri sono tra i principali prescrittori di questi prodotti. Naturalmente, se la febbre sale troppo (oltre i 39°C) e il bambino appare prostrato o sofferente è indispensabile consultare il medico.

© Riproduzione riservata